Sabatoepallanuoto.it
In edicola

Settembre
Settembre
 


E' uscito il numero di Maggio di Sabato e' Pallanuoto
 E' uscito il numero di Maggio di Sabato e' Pallanuoto
 E' uscito il numero di Maggio di Sabato e' Pallanuoto


Sabato e' Pallanuoto di Febbraio
Sabato e' Pallanuoto di Febbraio
 L'eccezionale racconto dell'anno Olimpico appena trascorso e i report della stagione che si affaccia sul nuovo anno, con tante notizie, approfondimenti, personaggi e pagine da conservare nel primo numero del 2017 che segna il Trentennale della nostra Rivista, unica in Italia.


Novembre
Novembre
Edotorilale- Conclusasi… alla grande (per l’Italia degli sport acquatici e con la conquista di otto medaglie d’oro) l’Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016, già ci si prepara per i prossimi Giochi della XXXII Olimpiade del 2020 di Tokyo.
A Roma, durante la presentazione dei massimi campionati di pallanuoto e della programmazione dell’attività agonistica delle discipline FIN per l’annata 2016-2017, gli atleti azzurri sono stati festeggiati dai presenti in modo particolarmente caloroso ed entusiastico.
Anche il presidente Paolo Barelli ha elogiato gli eccellenti atleti e tecnici protagonisti di Rio, mentre i due cittì azzurri Sandro Campagna e Fabio Conti hanno ringraziato e dichiarato che le due straordinarie medaglie olimpiche conquistate per la prima volta nella storia della pallanuoto in entrambe le rappresentative sia maschile sia femminile, sono una gratificazione e un impegno a continuare su questa strada per cercare ancora di migliorarsi.
Nella storica “Sala Rossa” del Foro Italico, sono state accolte festosamente le società vincitrici di trofei della passata stagione agonistica, in particolare Pro Recco e C.S. Plebiscito Padova per gli scudetti conquistati e il Bogliasco per il prestigioso “Trofeo del giocatore”.
Presente alla riunione per la Rai, Arturo…..Dialmela????, un grande amico della pallanuoto. Purtroppo, ha reso noto che quest’anno, dopo tanti anni di appassionato impegno, le partite di campionato non saranno più trasmesse in TV. Tuttavia, vi è sempre l’eventualità che, nella fase finale, per gli avvenimenti più interessanti, vi sia la possibilità di qualche diretta TV.
Comunque, anche se con qualche oggettiva difficoltà, la FIN ha previsto la possibilità di trasmettere in “streaming” molte partite dei massimi campionati.
Intanto l’attività prosegue già da qualche mese e i due tornei di “A/1” regalano, fin da ora, notevoli emozioni ai numerosi appassionati.
Soprattutto il campionato femminile, sin dalle prime battute, prosegue all’insegna dell’imprevedibilità nei risultati.
Per quanto riguarda il campionato della Pro Recco, dall’alto della sua caratura, la compagine ligure non fa una piega ma a rendere competitivo il suo percorso ci sono l’A.N. Brescia e lo Sport Management Verona che non scarseggiano per continuità di rendimento.
Interessanti si propongono anche le tre squadre partenopee fra le quali si è maggiormente messa in luce, sin dalle prime partite, la Carpisa Yamamay Acquachiara che affidata all’eccellente Pino Porzio ha battuto, a sorpresa, la più quotata Canottieri Napoli.
Finora si è comportato in modo ineccepibile altresì il Posillipo del laborioso e coscienzioso Mauro Occhiello che in Euro Cup, a Zagabria, ha superato agevolmente il suo girone, al primo posto del secondo turno delle qualificazioni.
Non da meno delle altre due squadre napoletane si comportano i giallorossi di Paolo Zizza.
Nell’Euro League, ineccepibile l’A.N. Brescia mentre risulta piuttosto zoppicante lo Sport Management Verona.
Siamo però appena agli inizi, nell’attesa che la “corazzata” Pro Recco esprima tutta la sua potenzialità. Dopo la sfortunata edizione dello scorso anno in Euro League, vorrà prendersi la sua legittima rivincita.
In questo numero di novembre di “Sabato è Pallanuoto”: i minuziosi resoconti su tutte le squadre di A/1 con i rispettivi roster; i festeggiamenti dei “meravigliosi” della FIN, reduci dall’Olimpiade di Rio de Janeiro; il Memorial “Enzo D’Angelo” che ha aperto la nuova stagione commemorando con una stupenda edizione, a Baia, il grandissimo campione; dal mare del Cilento l’interessante trofeo “Costa Blu” andato alla forte formazione dello Sport Management Verona; la Coppa Italia con accurati servizi riguardanti la fase preliminare; le pagine storiche, di Paolo Del Vecchio; della Cultura, di Gerardo Pedicini; le finestre locali della Campania; i successi dei campionati master, in campo europeo e tanto altro, completano questo numero di novembre 2016, ricco di notizie e artistiche, suggestive foto di Pierpaolo Capano e Giorgio Scala.


E' uscito i novo numero di Sabato e' pallanuoto sulle Olimpiadi
E' uscito i novo numero di Sabato e' pallanuoto sulle Olimpiadi
È un gran bel successo per lo sport italiano la conquista di otto medaglie d‘oro alle Olimpiadi di Rio. A fine competizione, sugli scudi le discipline acquatiche della Federazione italiana nuoto e la pallanuoto, particolarmente, che per la prima volta nella sua storia sale sul podio con entrambe le rappresentative sia maschile sia femminile.
Il Setterosa, “maravilhoso”, si ferma solo in finale. Contro le forti statunitensi realizzando, come l’ha definito il cittì Fabio Conti, “un miracolo sportivo”. In effetti, si è trattato di un exploit eccezionale, se si considera il nutrito e qualificato gruppo di avversarie di altissima qualità, affrontate e sconfitte dalle azzurre. Mettersi alle spalle Nazionali come l’Australia, l’Ungheria, la Russia e la Spagna non è cosa da poco.
È stato strepitoso anche il Settebello che, con la conquista della medaglia di bronzo, ha effettuato un miglioramento importante e repentino. Con sette esordienti in formazione e un percorso costellato da infortuni e difficoltà inimmaginabili per i non “addetti ai lavori”, ha saputo con grinta e sagacia andare sul podio. Eccezionale il lavoro di Sandro Campagna e il suo staff per mettere insieme un team e una squadra altamente competitiva in un àmbito internazionale sempre più evoluto e combattivo. Lo stesso Brasile, affidato al mitico Ratko Rudic, si è presentato all’altezza del contesto olimpico, bruciando le indispensabili tappe di maturità, in pochi anni.
L’affermazione della pallanuoto italiana è stata possibile grazie alla sinergia tra le società, i tecnici delle stesse e la Federazione che ha sempre supportato le realtà propositive e appassionate che hanno, in tutto il Paese, resi possibili gli straordinari risultati, tali tra essi, i campionati di A/1 che s’iniziavano il 15 ottobre.
Nel numero di agosto di “Sabato è Pallanuoto” (a parte i resoconti delle Olimpiadi) è riportata l’attività estiva svolta nel 2016, con gli scudetti della Pro Recco, giunta al suo trentunesimo Tricolore e il fantastico “bis” del C.S. Plebiscito Padova nell’A/1 femminile; gli scudetti giovanili che hanno premiato gli sforzi e l’entusiasmo di numerose società nelle varie categorie, come la S.S. Lazio Nuoto, il Robertozeno Posillipo, la R.N. Bogliasco, la Pallanuoto Trieste e il C.S. Plebiscito Padova.
In vetrina anche i “Master” che, a Riccione, hanno disputato un combattuto girone finale dei Campionati italiani; il Memorial “Enzo d’Angelo” che quest’anno si è disputato nel mare in quel di Baia, vicino a Bacoli che è una bellissima località che diede i natali all’indimenticabile Enzo, un campionissimo di classe cristallina e di rara bravura.
Le pagine storiche sono curate da Claudio Del Vecchio; i servizi della cultura da Gerardo Pedicini, le finestre sugli spazi minori da Amedeo Pomilio, l’articolo di acuta competenza pallanuotistica da Pasquale Di Mattia, il tutto con le straordinarie foto di Giorgio Scala e Pierpaolo Capano che completano questo numero di “Sabato è Pallanuoto”.

 


Gennaio/ Febbraio 2016
Gennaio/ Febbraio 2016
 


Settembre 2015
Settembre 2015
 


Sabato è Pallanuoto ottobre/dicembre '15
Sabato è Pallanuoto ottobre/dicembre '15
 La stagione importante è partita di buona lena: porterà la nostra pallanuoto alle qualificazioni per le Olimpiadi di Rio de Janeiro! Cambia lo “spartito” ma la musica dovrebbe essere la stessa degli ultimi anni: Settebello e Setterosa, infatti, si assestano su alti livelli e cercano di migliorarsi continuamente. Il tutto anche grazie ai valori tecnici dei campionati di “A/1” partiti da circa un mese e che si preannunciano interessanti e combattuti.
La Pro Recco mantiene la sua caratura solida e tecnicamente notevole, con l’innesto di tre giocatori di prestigio. La formazione ligure, guidata quest’anno dal campione olimpionico di Barcellona 1992 Amedeo Pomilio, è una potenziale candidata alla vittoria dello scudetto. La nuova formula del campionato, che quest’anno abbandona (dopo trentadue ininterrotti anni, dal 1983 al 2015) i “playoff”, per decidersi nella “Final Six”, potrebbe rappresentare, un leggero “vantaggio” per le gagliarde avversarie, A.N. Brescia e BPM Sport Management.
Nel torneo femminile, invece, si evince, sin dalle prime partite, più incertezza e interesse sino al termine, nonostante, lo scudetto dello scorso anno, tutto italiano delle splendide ragazze patavine.
Come di consueto, ci sarà grande attenzione e seguito ai campionati, grazie alla disponibilità di RAI-Sport che teletrasmetterà partite di entrambi i tornei, molto apprezzate dagli sportivi italiani che anche durante gli ultimi Mondiali di Kazan (Russia) hanno seguito in milioni le gare entusiasmanti del Settebello e del Setterosa.
In quest’ultimo numero di “Sabato è Pallanuoto”, inoltre, troverete ampi servizi sulla presentazione dei campionati nazionali e “World League”; sui successi degli azzurri ai Mondiali di Kazan con il galà “Meravigliosi” che la FIN ha voluto dedicare alle 14 prestigiose medaglie conquistate dagli italiani; sulla medaglia d’argento della Nazionale Junior di Nando Pesci dei Campionati Mondiali di Almaty (Kazakistan); sulle Coppe europee che vedono la Pro Recco difendere la Champion League vinta quest’anno a Barcellona; su tutte le formazioni di Serie “A/1”; sul VI Memorial “Enzo D’Angelo” che ha rievocato con mille emozioni i tanti ricordi del grande campione, nel meraviglioso “teatro” della piscina della Mostra d’Oltremare, dove sono accorsi moltissimi amici e sportivi per riabbracciare idealmente l’indimenticato “Enzo”; sulle pagine storiche dell’appassionato Claudio Del Vecchio; sui reportage del bravo Pasquale Di Mattia; sulle preziose cronache regionali di Amedeo Finizio; sulle consuete preziose foto di Pierpaolo Capano che completano questo numero di “Sabato è Pallanuoto”.




N. 3/5 -Maggio 2013
N. 3/5 -Maggio 2013
  E' uscito il nuovo numero di Sabato è pallanuoto
Una rivista che, per i suoi straordinari contenuti si può definire questa volta veramente "Storica". Tanti splendidi argomenti su cui svettano le vittorie delle due squadre italiane nell'Euro Cup Len. Imperia e Posillipo, infatti, hanno colorato d'immenso le loro imprese anche grazie alle loro fantastiche rivali superate in finale, ma soprattutto al loro grandissimo pubblico nelle rispettive piscine che (guarda caso nominate a due illustri personaggi, Felice Cascione e Felice Scandone), hanno sostenuto e applaudito numerosissimi i loro beniamini. un grande successo per il nostro sport, che nonostante la Crisi economico e sociale, tira dritto avanti, confortato dal bellissimo lavoro che gli Staff delle Nazionali azzurre, entrambi in Finale di Worl League, stanno svolgendo con il prezioso supporto della Federazione e delle società. Le finestre sul campionato arrivato ali Playoff, le varie situazioni nei correnti Tornei, il Trofeo delle Regioni, le pagine storiche, i Personaggi, le pagine della Cultura. Tantissimo altro per un numero da conservare.


Gennaio/febbraio 2015
Gennaio/febbraio 2015
 Editoriale febbraio
Con l’avviatissimo inizio dell’anno nuovo la nostra
pallanuoto ha voltato pagina archiviando i bei risultati
del 2014. Il brillante Bronzo di Budapest in seguito alla
splendida vittoria sui forti atleti del Montenegro. Foriero
di buone prospettive e aspettative anche l’Argento della
squadra Juniores femminile agli Europei disputati a
Ostia. Com'è stato assolutamente apprezzabile il quarto
posto del Setterosa agli Europei di Budapest. Anche a
livello natatorio gli Azzurri hanno ottenuto ottimi risultati
che il presidente della Fin Paolo Barelli ha sottolineato
con soddisfazione in un’intervista che riportiamo
all’interno.
Quest’anno si è aperto con la bella prestazione del
Settebello nella World League, nell’accogliente e
appassionata città di Torino. I ragazzi di Sandro
Campagna, pur con qualche assenza importante hanno
perso di stretta misura (7-8), con i campioni olimpici
della Croazia.Un dato importante e significativo della
buona crescita dei nostri giovani e la positiva
assimilazione degli schemi del Ct azzurro.
Nel Campionato di A1 il Brescia viaggia sempre in testa
seguito da vicino dal forte Recco con un Tandem
interessante al terzo posto, tra la sorprendente
neopromossa Sport Managment Verona e una gagliarda
Acquachiara Carpisa Yamamay che nelle ultime partite
giocate ha guadagnato qualche punto sugli scaligeri.
Da non credere il periodo nero del Posillipo che pare
sia in parte superato dopo l’avvento della nuova dirigenza
e il ritorno dell’allenatore Mauro Occhiello.
A livello femminile c’è qualcosa di nuovo
all’Orizzonte…Dopo anni di egemonia della squadra
catanese, ora vi è un naturale e fisiologico calo per
ripartire. Si fanno avanti, a parte l’Imperia, ormai una
realtà, il Plebiscito Padova riesce dopo anni di semina
ha raccogliere qualcosa d’importante. In luce anche la
Despar Messina che con entusiasmo e un mix di atlete
giovani, forti ed esperte sta disputando un bel torneo.
Son partiti già da tempo i campionati di A2 sempre
molto interessanti e in alcuni casi “Miracolosi” per la
crisi economica che attanaglia il nostro Paese. Realtà
dense di entusiasmo e autentica passione tengono… a
galla società anche storiche, che s’impegnano con tanti
sacrifici anche per mantenere alta la tradizione locale
e favorire la crescita dei giovani.
In questo numero i resoconti del periodo, alcune
“Finestre” sulle varie realtà in bella evidenza.Il
personaggio Paolo De Crescenzo, il mito di Eraldo Pizzo,
gli impegni del Settebello e Setterosa in preparazione
per i Mondiali di Kazan della prossima estate.La
Champions League con il magnifico Recco e il tenace
Brescia che lottano per agguantare la Final six di
Barcellona. La Coppa Italia, Le Coppe europee.
In vetrina alcuni eventi importanti come il Caimano
d’oro celebrato a Civitavecchia dalla Coser nuoto. Le
pagine Storiche del bravo Claudio Del Vecchio, i “Report”
sui campionati dell’arguto e competente Pasquale Di
Mattia, le pagine della Cultura dell’affezionato Michele
Pariso e dal preparato Gerardo Pedicini, condite dalle
splendide foto di Pierpaolo Capano che ci aiutano e ci
sostengono con la loro passione e dedizione a collaborare
alla nostra rivista “Sabato è pallanuoto”, quest’anno
giunta al suo trentesimo anno di vita!
Franco Di Meglio


Novembre 2014
Novembre 2014
 Partita la nuova stagione agonistica 2014-2015 con
rinnovato entusiasmo, nonostante la crisi economica che…
morde il Paese, la pallanuoto italiana, dopo la positiva estate
trascorsa, si ripresenta pimpante e propositiva.
Il bronzo agli Europei di Budapest del Settebello di Sandro
Campagna ha confermato lo stato di salute della pallanuoto
azzurra, dal 2010 sempre nelle primissime posizioni mondiali
ed europee.
Cresce in maniera esponenziale anche il settore femminile
che nonostante qualche sporadica “défaillance” mantiene uno
stretto contatto con le migliori formazioni internazionali.
Il lavoro del “team Italia”, supportato dalla Federazione e
dal continuo e prezioso apporto delle società, irrora di continuo
i “roster” di Sandro Campagna e Fabio Conti che coadiuvati da
staff di altissimo livello, inseriscono magnificamente nuovi
talenti nel club azzurro.
A Roma, nella cordiale presentazione dei Campionati di
“A/1”, Paolo Barelli, presidente della FIN, ha sottolineato la
valenza e il livello tecnico pregevole della nostra pallanuoto
che anche quest’anno, grazie all’apporto e al sostegno della
RAI, proporrà su “RaiSport”, due partite settimanali su canali
tematici, affiancando la Federazione nell’opera di diffusione
della pallanuoto e della cultura degli sport acquatici, con
tecnologie e professionalità di eccellenza.
La nuova stagione ci condurrà ai Mondiali di Kazan (Russia).
I due tornei offriranno chiari segnali delle condizioni delle nostre
compagini ed è nelle speranze degli sportivi azzurri di avere
positive conferme per i futuri impegni internazionali.
Il torneo maschile di “A/1” vivrà, come lo scorso anno, della
sfida tra le “corazzate” Pro Recco e Brescia, con un occhio a
una legittima ambizione alla Champions League.
Presumibilmente si accenderà un’interessante lotta per le
piazze d’onore, dove le tre squadre campane del Posillipo,
Carpisa Yamamay Acquachiara e Canottieri vorranno essere
protagoniste. Certamente saranno seguitissimi i sei derby
all’ombra del Vesuvio che, come l’anno scorso, calamiteranno
l’attenzione e la passione del tradizionale pubblico partenopeo.
Ci sono attesa e curiosità per le due neopromosse Vis Nova
Roma e Sport Management Verona, quest’ultima una squadra
agguerrita e tecnicamente valida che intanto ha inflitto, nella
prima di campionato, al Posillipo, una imprevista sconfitta.
In campo femminile, dopo il primo scudetto della sua storia,
dalla R.N. Imperia ci si aspetta una conferma, anche se le
avversarie vorranno insidiare il cammino delle campionesse
giallorosse.
In questo numero, oltre ai resoconti sugli Europei di Budapest,
ripercorreremo a grandi linee tutta l’estate. L’argento del
Setterosa nella World League. Il secondo posto dell’Under 19
negli Europei di Ostia. I verdetti dei Campionati giovanili. Il
Memorial “Enzo D’Angelo”. Il Torneo del Cilento vinto dal
Brescia. Il mercato di “A/1” e i 100 anni della gloriosa Camogli,
la Coppa Italia che ha sancito le sue finaliste. La Coppa Europa
nella prima fase. La Capri-Napoli. Le solite rubriche della
Cultura, le pagine storiche della pallanuoto, l’altro sport
completano quest’ ultimo numero di “Sabato è Pallanuoto”.
Franco Di Meglio


Maggio/Luglio 2014
Maggio/Luglio 2014
 Con ancora in circolo la delusione del “flop“ dell’Italia
ai Mondiali di calcio, da cui crediamo si possa prendere anche
uno spunto per la pallanuoto nazionale che, molto
opportunamente, ha saputo in tempo utile, arginare la forzata
ed esagerata invasione di stranieri che, guarda caso, solo ora,
nel mondo del “pallone” italico, ci si accorge di essere un
pochino… numerosi.
Fatta questa breve premessa, la stagione agonistica 2013-
2014 della pallanuoto azzurra va in archivio. Con l’assegnazione
dello scudetto maschile alla Pro Recco che ha regolato in
finale un ottimo Brescia ma che, proprio all’epilogo, ha mostrato
alcune sfasature ben nascoste durante lo svolgimento degli
anni 2013 e 2014.
La Mediterranea Imperia, invece, in campo femminile, ha
vinto il suo primo tricolore, battendo una pimpante Plebiscito
Padova per aprire, forse, una nuova pagina della storia della
pallanuoto rosa.
Nella Champion League, grossa delusione per le due
rappresentanti italiane, impegnate nella finale di Barcellona.
Pro Recco e Brescia, infatti, sconfitte al primo impegno, si sono
disputati il quinto e sesto posto, vinto dai lombardi di Sandro
Bovo.
Paradossalmente, come spesso succede, ha vinto il prestigioso
trofeo, la squadra di casa del Barceloneta che aveva partecipato
solo perché faceva gli… onori di casa, mettendo in riga gli
squadroni europei che avevano disputato l’intera fase preliminare!
La Serbia, battendo l’Ungheria, si aggiudica la World League.
Ma la notizia più confortante per i colori azzurri, viene dalla
Cina, dove il Setterosa di Fabio Conti arriva secondo, subendo
l’unica sconfitta, dagli USA, per 10-8, nella finale di World
League.
A Roma, si è svolto il tradizionale “Settecolli”, purtroppo
condizionato dal maltempo, dove il Settebello ha battuto
l’Ungheria e la FIN ha voluto festeggiare, per l’occasione, il
Setterosa che fu Campione olimpionico ad Atene 2004.
Ora l’attenzione si sposta sugli Europei di pallanuoto in
pogramma a Budapest dal 14 al 27 luglio, dove Settebello e
Setterosa saranno impegnati per ben figurare. Attenzione anche
sui nostri nuotatori in grande crescita di scena agli europei di
Berlino, con Federica Pellegrini sempre al Top.
In questo numero le storiche promozioni in A/1 del
Managment Verona e della Vis Nova Roma, quelle in A/2
maschili e femminili, lo scudetto “Under 20” della Canottieri
Napoli, l’ingresso ufficiale di Carlo Silipo nella “Hall of Fame”,
gli “sfoghi” sentiti sulla pallanuoto di Pino Porzio, un’interessante
intervista dell’AGP a Tania Di Mario, i calendari dei prossimi
Campionati europei di Budapest, i cento anni del CONI e della
Canottieri Napoli abbinati alla festa dell’USSI, le consuete
pagine storiche di Claudio Del Vecchio, le note sulla cultura
a cura di Gerardo Pedicini e la “finestra” sugli altri sport,
completano il numero di “Sabato è Pallanuoto” di luglio 2014.
Franco Di Meglio


Marzo/Aprile
Marzo/Aprile
 Un numero da conservare di Sabato è pallanuoto con tutti i resoconti della Regular Season, la Coppa Italia, la World League, le Coppe Europee, il nuoto con gli Assoluti Unipol e i successi della Fiamme oro in Messico. La serie A2, l'obiettivo sulla B, l'altro Sport e i bellissimi Poster, le Pagine storiche, della Pro Recco del Brescia e della Canottieri Napoli e tanto altro ancora.


Gennaio/febbraio 2014
Gennaio/febbraio 2014
  E' uscito il primo numero del 2014 di Sabato è pallanuoto ricco di servizi e magnifiche foto sulla Waterpolo. Dal sorpasso della Pro Recco, alle Coppe Europee sia maschili sia femminili. la Coppa Italia. la finestra sulla serie A2. Il Settebello e il Setterosa nella World League. Spazio alla Como Nuoto, sorpresa del campionato, al sempre tonico Orizzonte con due bei Poster per gli appassionati. In rilievo personaggi ed eventi del periodo come Bruno Cufino e il suo programma per il Posillipo, Dino Sangiorgio, Enzo Vittorioso, il Caimano d'oro a Mario Corcione, il nuovo libro di Franco Esposito e Dario Torromeo, obiettivo sulla Vis Nova, la Rari Salerno, l'Ortigia, la serie B con servizi su Cesport Italia, Rari Nantes Napoli, le premiazioni del Comitato campano della Federnuoto, le pagine storiche di Claudio Del Vecchio, l'altro sport, la premiazione dell'Acquachiara Under 15, i Cimentisti di Marechiaro e tanto altro per un numero da conservare.


Ottobre/dicembre 2013
Ottobre/dicembre 2013
Editoriale
 Iniziatasi la nuova stagione per la pallanuoto, con l’avvio
dei campionati di A/1, come sempre, densi di entusiasmo e
aspettative. Quest’anno, con tre importanti novità.
La prima è il varo delle nuove regole proposte dalla FINA per
valorizzare il gioco e renderlo più spettacolare. La seconda è
la grande opportunità divulgativa della RAI – con due partite,
il venerdì e il sabato alle ore 20 – che darà certamente più
impeto e visibilità alla pallanuoto. La terza, dulcis in fundo, è
la presenza di tre squadre napoletane in A/1: il DOOA C.N.
Posillipo, la Carpisa Yamamay Acquachiara e il Circolo Canottieri
Napoli.
A differenza del passato, grazie all’avvento e alla disponibilità
dei sopraggiunti nuovi dirigenti dei tre circoli partenopei, si è
creato un clima agonistico di collaborazione e corretta rivalità
sportiva che, siamo certi, farà bene a tutto il movimento
pallanuotistico. Fermo restando che, com’è logico che sia, in
piscina le compagini partenopee si daranno battaglia per
riscaldare i cuori dei sempre più numerosi sostenitori che,
finalmente, accorrono alla piscina “Scandone”.
A Roma, in questo primo scorcio di tempo (a parte la canonica
presentazione programmatica dei tornei) il presidente della
Federazione, Paolo Barelli, ha premiato i protagonisti della
passata stagione agonistica: la giovane formazione azzurra di
Nando Pesci, Campione del mondo “Under 20” e la fattiva e
organizzata R.N. Bogliasco che ancora una volta è l’assegnataria
del “Trofeo del Giocatore” 2012-2013. Onori anche al Settebello,
con il C.T. Sandro Campagna, che ha ribadito il momento di
crescita costante degli azzurri, ma soprattutto la soddisfazione
che la nostra Nazionale, pur tra i lontani esperimenti in vista
delle Olimpiadi di Rio de Janeiro, è sempre fra le prime quattro
Nazionali del mondo.
Si è disputata la prima fase della Coppa Italia sia maschile
sia femminile. È stato un momento importante per “mettere
a punto” le formazioni prima dell’inizio del campionato.
A Napoli, nella splendida e storica piscina della Mostra
d’Oltremare, hanno superato il turno, le squadre maschili del
C.N. Posillipo e della R.N. Bogliasco, mentre in riva al Lago di
Como, nella luminosa piscina lariana, si sono classificate Como
e Carisa Savona. Dal 24 al 26 gennaio 2014 si disputeranno i
quarti di finale.
Nella Coppa Italia femminile, disputata in tre sedi, hanno
superato il turno, il Rapallo, il Plebiscito Padova e l’Orizzonte
Catania.
A Napoli si è disputata la “IV Edizione Memorial D’Angelo”
per ricordare l’indimenticabile atleta napoletano. Si è aggiudicato
il trofeo la Pro Recco che con i suoi campioni ha dato spettacolo,
nobilitando tecnicamente la manifestazione che ha visto esordire
le tre squadre napoletane al completo.
Partite anche le competizioni europee con l’acuto nella temuta
partita d’andata della Pro Recco che ha regolato i campioni
d’Europa della Stella Rossa. Bene anche le due squadre
napoletane impegnate nell’Europa League. Posillipo e Acquachiara
hanno brillantmente superato il turno. Da sottolineare la folta
partecipazione anche dei media alle rispettive presentazioni
delle squadre del C.N. Posillipo, Carpisa Yamamay
Acquachiara e Canottieri Napoli che hanno trasmesso
agli intervenuti uno splendido entusiasmo speriamo
foriero di brillanti risultati.
In questo numero, oltre alla presentazione delle
squadre maschili e femminili di A/1, a cura
dell’appassionato e impeccabile Michele Pariso, sono
riportate anche le canoniche e seguitissime pagine
storiche di Claudio Del Vecchio, una precisa “memoria
storica” della pallanuoto italiana. Interessanti oltretutto
sono le presentazioni dei tornei da parte del
competente e acuto Pasquale Di Mattia, l’intervista
ad Annamaria Meterangelis sulla Psicologia dello
Sport.
Servizi e rubriche, con il consueto obiettivo sulla
Campania, completano il numero di “Sabato è
Pallanuoto” di novembre 2013.
Franco Di Meglio


Giugno/Settembre
Giugno/Settembre
 
L’ultima bella notizia dell’estate arriva dalla Patria della Waterpolo. In Ungheria, infatti, gli Azzurrini nati ‘93 di Nando Pesci bissano il successo di quest’inverno e si laureano Campioni del mondo. Soddisfazione e complimenti da parte del presidente della Fin Paolo Barelli per il brillante risultato dei giovani azzurri. Dopo i Mondiali di Barcellona, eravamo tornati a casa con un pò di amarezza per le prestazioni del nostro Settebello. Forse, troppo ottimisticamente, si pensava che la nostra Nazionale si fosse allineata, dopo gli splendidi risultati degli ultimi anni, a uno standard di primissimo livello. Con rammarico, abbiamo fatto un salto indietro. Purtroppo, le ultime due partite a Barcellona hanno un pochino deluso le aspettative, ma ci può stare che contro “corazzate” ben allestite come Montenegro e Croazia si possa perdere. Questo, senza non rilevare che, comunque, sia il Settebello sia il Setterosa, stanno, con i bravi tecnici Campagna e Conti, svolgendo un proficuo lavoro con il sostegno, oltretutto fondamentale, delle società e della Federazione.
Il Setterosa è stato sfortunato perdendo ai rigori con la Grecia, ma ha patito la grinta combattiva e spesso risolutiva delle passate, fortunate stagioni. Troppe afasie in fase difensiva. Le ragazze subentrate sono state chiamate a confrontarsi su quel difficile e illustre passato, stentando a imitare (almeno in parte) qualche analoga performance. Certo, il movimento in Italia è cresciuto tantissimo ma pur apprezzando gli sforzi dei tecnici e delle stesse atlete, la «qualità» stenta a farsi strada. Siamo certi, comunque, che a Rio avremo «leonesse», con più classe e più esperienza.
Per il Settebello il discorso è un po’ diverso. Gli ultimi due allori conquistati, con il Mondiale vinto a Shanghai e l’argento olimpico di Londra 2012, sono stati eccezionali. I risultati dei ragazzi di Sandro Campagna hanno giovato a tutto il movimento e dato una gran soddisfazione agli sportivi italiani. Il passaggio a vuoto di Barcellona, nonostante l’impegno del team e degli atleti azzurri, ha un po’ deluso, soprattutto sul piano del gioco, figlio spesso delle buone individualità che, in qualche ruolo, purtroppo non abbiamo.
La tappa dei prossimi Campionati Europei di Budapest sarà fondamentale per integrare qualche nome nuovo nella prima squadra, in vista delle Olimpiadi di Rio de Janeiro nel 2016. Dagli splendidi ragazzi vittoriosi nel Mondiale U20 si potrebbe attingere qualche unità. Senza un po’ di coraggio si rischia di staccarci irreparabilmente dalla «testa del gruppo». Dai tecnici, comunque bravissimi, ci si aspetta di valutare attentamente che cosa offre la «piazza» e provare alternative senza, ovviamente, dover ricorrere alla… bacchetta magica.
Nelle altre discipline un plauso, va alle ragazze italiane: alla fuoriclasse Federica Pellegrini (argento nei 200 sl), Martina Grimaldi (oro nella 25 km.) e a Tania Cagnotto doppio argento, dal trampolino e nel Sincro (con la sua amica Francesca Dallapè), per aver tenuto alto il nome dell’Italia «acquatica» ai Mondiali, in terra catalana. Il bronzo del tenace Gregorio Paltrinieri nei 1500metri, ha concluso una rassegna iridata, comunque, all’altezza dello sport italiano, rappresentato a Barcellona, con autorevolezza e passione, dal presidente del Coni, Giovanni Malagò.
Nella pallanuoto vittorie della ritrovata Ungheria, sempre tonica e tecnicamente attrezzata, che con il nuovo tecnico Tibor Benedek, ha regolato di stretta misura un sorprendente e tenace Montenegro. Le due squadre hanno disputato una finale da cineteca praticando una pallanuoto moderna e veloce, con pregevoli fasi di tecnica sopraffina. Per il bronzo la Croazia aveva la meglio sul nostro Settebello 10-8.
Al femminile, grande «scoop» della Spagna che tra le mura amiche non ha perso l’occasione (dopo l’argento olimpico di Londra 2012) di vincere il titolo mondiale, battendo le australiane, sempre forti fisicamente. La favorita Ungheria si è dovuta accontentare del terzo posto battendo la Russia 10-8.
In sostanza, un Mondiale complessivamente ben riuscito, (a parte qualche evitabile difficoltà logistica riservata ai Media). Barcellona una città incantevole, con un ragguardevole numero di spettatori e un movimento sportivo in continua crescita.
Tornando alle cose di casa nostra, fervono i preparativi per la prossima stagione che, nonostante la crisi, speriamo sia foriera di ottimi riscontri.
Come ogni anno non manca qualche polemica, ma, al di là delle motivazioni, la pallanuoto ha «fisiologicamente» nel suo Dna, da sempre, qualche problemuccio da risolvere...L’importante è andare avanti, cercando di fare risultati concreti.
In questo numero, in leggero ritardo per consentire l’inserimento di tutti i resoconti, per i nostri appassionati lettori, oltre ai servizi e alle stupende foto dei mondiali, ripercorriamo tutti gli avvenimenti dell’Estate 2013: con gli scudetti vinti dalla Pro Recco e dal Rapallo; le promozioni in A/1 della Canottieri Napoli e Como. I risultati dei campionati giovanili maschili e femminili; il nuoto di Fondo. Il personaggio Stefania Pirozzi, i convegni sullo sport, il «mondo Master», il Mercato e tanto altro, nell’attesa della prossima, si spera interessante stagione agonistica.
Franco Di Meglio



Marzo/Maggio
Marzo/Maggio
 E' uscito il nuovo numero di "Sabato è Pallanuoto", ricco di notizie, servizi e belle foto sulla waterpolo del periodo. Settebello con l'obiettivo Barcellona 20013. Il Setterosa pronto per la finale in Cina. L'analisi della Regular season con le forti protagoniste Brescia e Recco, la griglia dei Playoff, la serie A2, la World League della Fina, maschile e femminile, la vittoria dell'Orizzonte nella Coppa Italia, le pagine storiche con il debutto del Caimano Eraldo Pizzo in nazionale, lo scudetto dello Sturla, il bronzo di Atlanta. Le grandi emozioni dell'Americas' Cup, La brillante salvezza della Lazio, il ritrovato Derby napoletano Posillipo-Acquachiara che ha riportato il pienone alla Scandone. La Carpisa Yamamay nella storia. La Pellegrini, cambia costume...ma va forte anche nel Dorso. Gli Assoluti di Riccione, il nuoto di Fondo sempre al Top, obiettivo sulla serie B, la Pirozzi non finisce di stupire, il Trofeo delle regioni, l'Euro Cup, le pagine della cultura, Aspettando la Capri-Napoli, Un tuffo per la vita, la pallanuoto in Campania, personaggi e tanto altro ancora per un numero da collezione per gli appassionati, leggermente in ritardo per consentire l'inclusione della griglia Playoff e la Finale dell'Americas' Cup.




Febbraio
Febbraio
 
S’inizia con i botti del Setterosa e il Settebello il nuovo anno, grazie alla bella qualificazione alla Finale di World League delle ragazze di Fabio Conti che battono due volte l’Olanda e la forte Russia a Catania. Il Settebello, regolata la Romania a Civitavecchia perde solo ai rigori a Volgograd, ma la squadra di Sandro Campagna cerca di ottimizzare le risorse giovanili inserendo nell’organico nuove leve. Nelle Coppe europee, fuochi d’artificio nell’ultima parte del 2012, con le affermazioni nelle Supercoppe. La Ferla Pro Recco batte in finale la Rari Savona e si aggiudica il Trofeo. Nel Derby al femminile la Mediterranea Imperia ha la meglio sulle coriacee avversarie del Rapallo nuoto. Arriva la ciliegina sulla torta con la bellissima vittoria nel Mondiale juniores dagli Azzurrini di Amedeo Pomilio che in Australia battendo l’Ungheria in Finale agguantano la medaglia d’oro. L’ottavo sigillo con la vittoria della Coppa Italia da parte della Pro Recco conclude un anno prodigo di soddisfazioni per la nostra pallanuoto. Riparte la nuova stagione con le Coppe europee dove la Florentia approda in Finale nell’Euro Cup e il Brescia tenta di proseguire il suo cammino. La squadra di Sandro Bovo svetta in testa al campionato di A1, mentre in quello femminile l’Orizzonte si deve guardare dal Rapallo nuoto.
Partita anche l’A2 giunta alla 5a giornata con la Canottieri in bella evidenza nel Girone Sud di cui presentiamo un servizio e il Poster della squadra.
Le squadre del Girone Nord. L’obiettivo sulla Vis Nova dei giovani e la Rari Salerno tutta fatta in casa. In questo numero le Elelezioni del Coni, il Caimano d’oro con le vittorie di Paolo Barelli e Fabio Conti. Il 2° Memorial Augusto Vaiola, il ritrovato entusiamo per la pallanuoto a Napoli con l’ascesa veloce e apprezzabile dell’Acquachiara che spinge il mitico Posillipo a non distrarsi troppo.
Il nuoto in Campania con il nuovo ruolo di Lello Avagnano quale dirigente del centro di eccellenza. La stella Stefania Pirozzi sempre in bella evidenza. Obiettivo sul personaggio Luciano Cammino “amico dello Sport”, le pagine della cultura con la presentazione del nuovo libro di Franco Esposito, D’entro l’Arte a cura del critico Gerardo Pedici, i cementisti di Mare chiaro , l’altro sport e tanto altro ancora per un numero, come il solito, da conservare per gli appassionati:


Novembre 2012
Novembre 2012
Editoriale
La stagione post-olimpica è partita a spron battuto, dopo la brillante e sontuosa presentazione a Roma dei Campionati di “A/1” con il gran gala del Settebello. E’scattato l’avvio dei massimi tornei che promettono molto con il maturare delle giovani speranze in cerca di attenzione.
Con la nuova normativa, che prevede l’impiego limitato a due stranieri, il Campionato maschile sarà certamente più equilibrato e interessante. Ma il dato più significativo della nuova stagione è senz’altro il successo mediatico che, rispetto al “grigio” recente passato, sta ottenendo il Settebello.
Dopo i brillanti risultati (Mondiali e argento olimpico), gli azzurri di Sandro Campagna, finalmente, hanno fatto il salto di qualità in termini di notorietà e simpatia sugli sportivi italiani. Grazie anche all’apporto fondamentale dei mass media, in primis delle televisioni, la pallanuoto si è fatta amare dagli italiani. Nel doppio incontro d’esordio nella World League, a Savona e in Ungheria, gli azzurri hanno calamitato l’attenzione degli appassionati.
A Savona, grazie all’opera della locale gloriosa Rari Nantes, sono state coinvolte decine di scuole che hanno seguito, numerose, l’incontro vittorioso contro la Russia (13-6). Straordinario il successo della diretta televisiva Ungheria-Italia che ha trasmesso l’importante partita, ricca d’intense motivazioni. I magiari di Tibor Benedek hanno riservato ai nostri azzurri, Campioni del mondo, un’accoglienza particolarmente entusiastica, che ha ribadito ancora una volta l’importanza della waterpolo in Ungheria che è sport nazionale e la consacrata caratura internazionale del nostro Settebello. L’incontro finito 6-5 a favore degli ungheresi, ha comunque soddisfatto il C.T. Sandro Campagna che ha inserito elementi nuovi nell’organico.
Per quanto riguarda invece il Setterosa, la squadra di Conti sarà impegnata a gennaio nella World League.
Il mondo della pallanuoto ha registrato un grave lutto con la scomparsa del Maestro Sandro Castellano, decano dei giornalisti e memoria storica della waterpolo internazionale. Ci ha lasciato in silenzio, a ottantasei anni e una vita dedicata allo sport, con impegno, passione e tantissima competenza. Ha rappresentato per tanti, nel settore, un prezioso e disponibile punto di riferimento. Lo ricordiamo con immenso affetto e stima per quanto ha dato in maniera incommensurabile al nostro ambiente.
In questo numero, oltre ai vari servizi e resoconti del periodo, registriamo i titoli giovanili maschili vinti dal brillante Camogli (Under 15 e 14) e dal solito e prolifico Savona negli Under 20. Un successo c’è stato, su tutto la linea del Presidente Paolo Barelli, confermatissima guida della FIN e capo della LEN. Un successo meritato che conferma l’ottimo lavoro del Senatore svolto negli ultimi anni.
Un omaggio e un meritato servizio su Tamas “Tommy” Kasas che, a 37 anni, ha deciso di appendere la calottina al chiodo. Una grave perdita per la pallanuoto-spettacolo che con il grande, immenso atleta ungherese, perde uno dei più straordinari talenti che abbiamo avuto mai, frequentando le piscine. La classe e, soprattutto, la signorilità di Kasas hanno incantato per anni gli sportivi di tutto il mondo. Tre volte consecutive Campione olimpionico (con la sua Ungheria), un’infinità di trofei e medaglie, Kasas che ha trascorso buona parte della sua attività in Italia, è stato e dovrà essere, per i più giovani, un esempio da imitare.
Per gli appassionati, pubblichiamo le squadre maschili e femminili dei massimi campionati. Infine, in questo numero, nell’inserto dedicato alla Campania, una finestra sul nuoto di fondo, sport che sta facendo passi da gigante dopo i brillanti risultati degli azzurri in campo internazionale. Il Nuoto Puteoli dell’appassionato Peppe D’Angelo (responsabile del settore del nuoto di fondo delle Fiamme Oro), ha organizzato con passione e competenza molte partecipazioni con gare sulla costa campana.
Da sottolineare il successo, nelle elezioni della FIN, di Francesco Postiglione eletto vicepresidente. Un bel riconoscimento per l’ex azzurro e campione del Posillipo che dopo una brillante carriera, prima come nuotatore e poi come pallanuotista, si sta mettendo in luce anche come dirigente.
Le consuete pagine sull’arte e sugli altri sport, concludono questo numero di “Sabato è Pallanuoto”.


Settembre 2012
Settembre 2012
 E' uscito il numero di settembre di "Sabato è pallanuoto", ricco di servizi e belle foto sulle Olimpiadi e la straordinaria medaglia d'oro del Settebello di Sandro Campagna. Un numero storico da conservare per gli appassionati con il poster dell'Italia e tutti i momenti della pallanuoto azzurra a Londra. A corollario di questo numero tutti gli avvenimenti che hanno caratterizzato la lunga estate di quest'anno. Dalle promozioni in A1 della Lazio e della Promogest Quartu, prima squadra sarda nel massimo campionato. Alle promozioni delle altre categorie, ai Tricolori giovanili femminili, ai Campionati Mondiali Master, al festival Haba Waba, il Mercato di A1, i ricordi di due eccezionali amici della pallanuoto, le simpatiche annotazioni di Sasà di Serio, il punto di Franco Esposito sui Giochi di Londra. Nelle pagine della Campania, Posillipo e Acquachiara pianificano la nuova stagione, le promozione in A2 femminile del Flegreo e dell'Acquachiara. Il Pomigliano torna in B. La Capri -Napoli, Bencivenga appende la calottina, La Coppa Davis a Napoli e tanto altro ancora per un rivista da non perdere.


GIUGNO
GIUGNO
 Editoriale Giugno
Archiviata la stagione agonistica della pallanuoto di eccellenza, tutti gli sforzi e l’attenzione sono rivolti alle Olimpiadi.
Dopo l’abbondante conferma del Settebello, Campione del mondo a Shanghai 2011, anche il Setterosa, nelle qualificazioni di Trieste, ha staccato il “pass” per i Giochi. La pallanuoto registra così una dolce accoppiata: unisce negli sport di squadra nazionali. Una bella soddisfazione per la Federazione e per le società che tanto si prodigano per sostenere la pallanuoto. Inoltre, le nostre squadre di club hanno primeggiato in tutte le competizioni europee.
La parte del leone l’ha fatta il Ferla Pro Recco che dopo aver bissato lo scudetto sia con la squadra maschile sia con quella femminile (per la prima volta), ha trionfato nell’Europa League e in Coppa campioni. Le formazioni di Pino Porzio e Riccardo Tempestini, hanno consolidato la già colma bacheca della squadra del presidente Gabriele Volpi che in vista del centenario del 2013 vuole confermarsi club leader dello sport mondiale.
A completare i successi italiani in Europa, sono arrivate la splendida vittoria nell’Europa Cup, della Mediterranea Imperia che, a sorpresa, ha vinto in Russia ribaltando il pronostico contro le coriacee ragazze di casa. Parimenti, grosso risultato del Carisa Savona che forte del vantaggio dell’andata (14-9) ha contenuto l’orgoglio degli spagnoli del Sabadell.
Nel campionato di ”A/1”, a parte la vittoria scontata della “corazzata” Pro Recco, molto bene l’A.N. Brescia di Sandro Bovo che dopo la vittoria della Coppa Italia, ha conteso strenuamente lo scudetto alla squadra ligure. Buon terzo posto per il C.N. Posillipo. Ha piegato la resistenza del forte Savona, privato dell’apporto, per infortunio, del suo formidabile centroboa: l’azzurro Matteo Aicardi. Da sottolineare la bella stagione della sorpresa Aquachiara e della Florentia.
In questo numero, oltre alle celebrazioni delle squadre regine della stagione 2011-2012, pubblichiamo le belle imprese del nuoto azzurro agli Europei di Debrecen, i ritiri dall’attività agonistica di Tibor Benedek, Agnes Valkai, Martina Miceli; la finestra sull’“A/2”, l’Haba Waba, la World League, le pagine storiche, Simona Abbate la campana a cinque Cerchi, la Mostra “Sportarte”, l’altro sport con l’anno magico della Carpisa-Yamamay, i napoletani alle Olimpiadi, le Fiamme Oro a Cuba e “dulcis in fundo” i sorteggi della pallanuoto alle Olimpiadi di Londra. “Giochi 2012” che vedranno i nostri azzurri protagonisti, in prima linea, a difendere e onorare lo sport italiano.


APRILE 2012
APRILE 2012
 E' uscito "Sabato è pallanuoto" di aprile come al solito ricco di servizi e foto sulla waterpolo del periodo.In primo piano il Setterosa fresco qualificato alle Olimpiadi, in visita a Napoli, all'America's Cup. In rilievo la bella edizione di Coppa Italia vinto da un coriaceo Brescia, I Trent'anni del Savona, società mitica, sempre sulla cresta dell'onda. Il percorso entusiasmante della Pro Recco in Europa, la griglia dei Playoff, partita subito con un Derby, quello napoletano che sta dando spettacolo tra Posillipo e Acquachiara, Il nuoto con il bilancio sugli Assoluti in vista degli Europei di Debrecen, I Mondiali Master, le Pagine storiche, obiettivo sulla serie B con la Rn Napoli e il Pesaro, i colori e le emozioni dell'America's Cup e l'entusiasmo dei napoletani, i Venti anni del Flegreo, le pagine della Cultura, l'altro sport, il ruolo importante della trasmissione Controfuga, le pagine dedicate alla Campania e tanto altro in un numero da conservare per gli appassionati.


Gennaio/FEBBRAIO 2012
Gennaio/FEBBRAIO 2012
 Ricco di servizi e belle foto sugli europei ecco Sabato è Pallanuoto di febbraio
Capolavoro Setterosa, campione d’Europa! Un tuffo collettivo nella piscina di Eindhoven. Le ragazze di Conti stampano nella nostra mente e in quella di milioni di telespettatori italiani, qualcosa di straordinario. La loro gioia, la loro passione cristallina, ci ripaga di tante brutture e difficoltà della vita di oggi. Uno spot alla vita, all’allegria, alla semplicità. Un traguardo arrivato improvviso e inaspettato dopo il solco profondo lasciato dal mitico Setterosa, sembrava che dovessero passare vent’anni per rialzare la testa. Poi la politica mirata e oculata della Federazione, le sinergie con i tecnici e le società, i campionati giovanili più adeguati e tanto lavoro, prima di Roberto Fiori, poi del bravo Fabio Conti e del suo staff ed ecco il gap ridotto di tanto e addirittura vincente. Bellissimo! Oro per le azzurre.
Ci saranno le qualificazioni per le Olimpiadi ad aprile a Trieste e le azzurre si giocheranno i “cinque cerchi”. Passano le prime quattro, ma il successo in Olanda e, soprattutto, la consapevolezza e il morale, hanno creato un enorme salto di qualità che ci lascia ben sperare.
Il Settebello si è accomodato sul quarto scalino ma non importa. Il lavoro di Sandro Campagna, continua egregiamente. I ragazzi migliorano facendo importanti esperienze. Perdere contro la Serbia e l’Ungheria ci può stare. Sono squadre di consolidato livello tecnico, straordinarie qualità ed eccellenti tradizioni, così come sono altrettanto forti il Montenegro (splendido finalista) e la Croazia di Rudic. Pertanto, calma e gesso. Sotto a lavorare nell’attesa che anche gli arbitri facciano il loro miglioramento per evitare (e non sarà facile…) che anche alle Olimpiadi ci siano le “tonnare” con “botte da orbi” che penalizzano la pallanuoto, quella vera che tutti amiamo. Speriamo bene!...
In questo numero, oltre ai resoconti degli Europei, tutti dai bravi inviati della FIN, Francesco Passariello e Valerio Salvati, e alle bellissime foto inviateci dall’impeccabile e gentile Giorgio Scala, pubblichiamo le vicende dei Campionati di A/1 e A/2, selezionati dall’appassionato Pasquale Di Mattia. Le Coppe Europee, la Coppa Italia, le pagine storiche di Claudio Del Vecchio. Il bilancio della FIN sull’anno passato, i Mondiali Master di Riccione presentati da Massimo Cicerchia.
Nelle pagine dedicate alla Campania, finestra su Salerno a cura di Donatella Ferrigno, il Memorial “Fritz Dennerlein” di Michele Pariso e Pierpaolo Capano, le pagine della cultura di Gerardo Pedicini, l’ “Atleta dell’Anno” di Amedeo Finizio e il tradizionale cimento del 1° gennaio nelle fredde acque di Marechiaro per la penna di Giuseppe Pica.
Franco Di Meglio



Novembre 2011
Novembre 2011
 E’ uscito il numero di novembre di Sabato è pallanuoto, come sempre ricco di servizi e foto del periodo. In questo numero, oltre alle pagine dedicate alla presentazione dei campionato e ai festeggiamenti degli azzurri Campioni del Mondo, presentiamo le squadre, sia maschili sia femminili, che partecipano ai massimi tornei nazionali.
Obiettivo sulla Pro Recco maschile, Carisa Savona, C.N. Posillipo, A.N. Brescia, R.N. Bogliasco, Acquachiara Carpisa-Yamamay, Venosan Orizzonte Catania e Pro Recco femminile vincitrice della Supercoppa. Le Coppe europee, la World League, l’importante accordo tra FIN e Haba Waba che premia gli ideatori dell’interessante e lodevole iniziativa divulgata per la diffusione e la propaganda della waterpolo tra i giovanissimi. L’Assemblea della FIN di Chianciano, il premio De Stefano, il “Castagnetti Day” per ricordare il gran maestro Alberto. Il “Memorial Enzo D’Angelo” dedicato all’immenso campione scomparso.
Nelle pagine della Campania, spazio al Nuoto di fondo con l’apprezzata competizione del “Mare Nostrun”, organizzata dal Nuoto Puteoli. Il Volturno femminile allo specchio. L’apertura del Penny Black. Il Calcio delizioso femminile, Il Gran Prix di velocità, il Premio Napoli ed altri servizi, completano questo numero novembrino da conservare per gli appassionati.



-Settembre-
-Settembre-
 L’estate 2011 rimarrà nella storia dello sport italiano. L’inattesa, meritata, entusiasmante vittoria del Settebello, ai Campionati mondiali di Shanghai, ha dato splendore, entusiasmo e vitalità al mondo della pallanuoto italiana. Il “miracolo” di Sandro Campagna e dei suoi ragazzi ha dell’incredibile. In Cina, il capolavoro si è concluso. Battuti tedeschi, spagnoli, americani, croati e in finale c’è stato il partitone contro i forti e tignosi atleti serbi, grazie a un gioco attento, equilibrato ma soprattutto autorevole e senza smagliature.
Le parate di Tempesti hanno demolito il morale degli uomini di Udovicic. La tenuta mentale e fisica degli azzurri, ha sancito un successo che ha fatto gioire tutta l’Italia sportiva… “incollata” ai televisori.
Una promozione eccezionale che ci ripaga di anni di oscurantismo, soprattutto a livello di Nazionale. Grazie anche ad una miriade di campionati, dove sono impegnati tantissimi giovani in questo numero di “Sabato è pallanuoto”, infatti, oltre, il successo di tutta la spedizione in Cina, dallo splendido percorso del Setterosa, ai successi planetari della Pellegrini e dei nostri eroi delle piscine, i lettori potranno trovare i resoconti dei Tricolori giovanili, di tutte le categorie, sia maschili, sia femminili.
La novità Acquachiara alla sua prima esperienza nel massimo campionato, e la Nuoto Catania che ritorna, dopo un anno, in A/2. Nel campionato femminile, promosso il mitico Volturno che prova a riprendere, almeno in parte, un poco del suo illustre passato. Ritorna in A/1 anche la Firenze Pallanuoto con rinnovato entusiasmo per alzare anche di un pochino il fascino dei derby toscani. La promozione della Sis Roma in A2.
Tra l’altro, oltre all’entusiastico spazio che abbiamo riservato per i nostri azzurri campioni del mondo, un magnifico reportage sui mondiali e le suggestive foto del grande evento, con il Poster degli azzurri iridati a completamento del nostro giornale.
La World League disputata a Firenze che ha ospitato magnificamente l’importante rassegna della Fina, vinta rispettivamente dalla Nazionale maschile Serba e da quella femminile degli Stati Uniti, il successo dell’Haba Waba. Le pagine storiche, il mercato, le vicende della Lega Adriatica. Nelle pagine dedicate alla Campania, un tuffo nella Capri-Napoli, grande Spadaro campione del mondo alle universiadi, l’ascesa del movimento Master. Infine, questo numero storico di “Sabato è Pallanuoto” celebra gli esaltanti risultati degli azzurri con un “omaggio” (era opportuno e meritato) della Redazione, con la realizzazione di 15 grandi pannelli grafico-pittorici per la gioia e la soddisfazione che i ragazzi azzurri ci hanno regalato.



Maggio-Giugno
Maggio-Giugno
  E' uscito Sabato è pallanuoto di giugno con servizi sulla Final four di Roma vinta dal Partizan, gli scudetti conquistati dalla Pro Recco e dal Formoline Catania, la Coppa Len vinte da due squadre italiane straordinarie come il Savona e il Rapallo Nuoto. La World League a Firenze. Il cammino verso Londra del Settebello e il Setterosa impegnato in Cina. Approfondimenti su alcune protagoniste dell'A2 come l'Allmag Toino 81, la Carpisa Yamamay Acquachiara, il fenomeno Camogli, i nuovi gioielli dell'impiantistica acquatica, la Coppa campioni femminile, il premio Ussi Sicilia a Campagna, Rosolino papà a Londra. Nell'inserto dedicato alla Campania, Aspettando la Capri -Napoli, il Memorial Oreste Cilento, gli acuti del Volturno, giovanissimi alla ribalta, il Trofeo delle Regioni e tanto altro per un numero da conservare per gli appassionati


Marzo/aprile 2011
Marzo/aprile 2011
  Come sempre ricco di notizie e foto è uscito il numero di marzo/aprile di Sabato è pallanuoto.
Copertina dedicata al Rapallo nuoto e alla sua giocatrice simbolo come Roberta Bianconi. All'interno servizi sul Settebello impegnato nella World League, la Coppa Italia vinta dal Recco, l'Eurolega, le coppe femminili con le imprese del Rapallo splendido finalista del Trofeo Len, e del Formaline Catania che ha eliminato le campionesse del Vouliagmeni. Il meglio dai siti web, il Savona vola in finale di coppa Len, la scomparsa del mitico Cesare Rubini, le pagine storiche con l'impresa del Posillipo nei playoff del '89, il fenomeno Perez, il gran successo della finction televisiva "Come un delfino", la Menarini sponsor della Fiorentina Waterpolo, il Caimano d'oro, gli europei di Torino e le performances delle azzurre, il poster della Menarini, il Calcio nell'acqua, Tutti gli uomini del President, Gli arbitri con gli auricolari, Bogliasco fucina di campioni, Pellegrini record, il miracolo dell'Haba Waba, Acquachiara a due faccie, i sogni giallorossi della Canottieri, Nelle pagine dedicate alla Campania, Obiettivo sulla pallanuoto rosa in Campania, Caputi l'inossidabile delfino, Palazzo e Salerno, che soddisfazioni, il nuoto campano e i suoi gioielli, il Fondo del cuore, Una pista la fine del Mondo, i cimentisti e l'Unità d'Italia. Un numero di primavera da non perdere per gli appassionati.


gennaio/febbraio 2011
gennaio/febbraio 2011
 E' uscito il numero di gennaio/febbraio di Sabato è pallanuoto. Come sempre ricco di servizi e foto sui principali avvenimenti della pallanuoto del periodo, come la vittoria del Ferla Pro Recco in Supercoppa, con relativo poster, il Settebello e il Setterosa in proiezione di Londra 2012, i bilanci annuali del nostro sport e delle discipline della Fin, Le pagine sull' A2 con il poster dell'Acquachiara, le speranze di Chiavari e Civitavecchia. Spazio agli avvenimenti culturali con i bei libri di GianCarlo Guerrini, "Pulcinella ti vuole morto", testo di avvincente narrativa, e il libro sui giganti della Capri -Napoli di Franco Esposito e Marco Lobasso. La finestra sulla B con Canottieri Milano e Rari Nantes Napoli e il Basilicata, la pallanuoto dell'A2 con Volturno Posillipo e Acquachiara. Nelle pagine dedicate alla Campania, i premiati del Coni, il nuoto con le imprese della Pirozzi, Spadaro stella dei Caduti di Brema, il Memorial Filippo Calvino per ricordare il grande indimenticabile amico scomparso, le pagine storiche, gli invernalisti di Marechiaro, i protagonisti della Festa del nuoto al Cus Napoli e i podisti del Marzano Record completano il primo numero del 2011. Da non perdere per gli amanti dello sport.


novembre 2010
novembre 2010
 E’ uscito il numero di novembre di Sabato è pallanuoto.
La presentazione dei campionati di A1, tutte le squadre partecipanti, il trofeo del Giocatore, il Settebello ricomincia dalla World League, Conti nuovo Ct del Setterosa, La Ferla Pro Recco presentata a Genova, Palombella azzurra.intervista a Campagna, la Pallanuoto per l’Africa, la Coppa Italia, le coppe europee, il Posillipo e la crescita piramidale, a Zagabria col tifoso Russo, il Poster della Formoline Catania, Quell’incredibie Quinto, Ricordando il caro Enzo, il meeting arbitrale il premio de Stefano, Gandolfi e il Waterpolo Gold Stage, Latina non solo Accademia, Pallanuoto al 7° cielo, Al Camogli il ruolo di outsider, I Tricolori giovanili, Campania sempre a Cavallo, i 60+1 di Mazzitelli, Profumo di Londra per il nuoto campano, Weinek a Napoli, accordo Fin-Herbalife, Le perle dell’Atletica Virgiliano, bollicine e tanto altro per un numero da conservare per gli sportivi della pallanuoto.



Luglio/Settembre
Luglio/Settembre
 E’ uscito Sabato è pallanuoto di settembre con ampi servizi e foto sugli europei di Zagabria che hanno visto la splendida conquista della medaglia d’argento del Settebello di Campagna. I record degli europei, Dove sta Zazà… Zagabria a punta di penna, tutti i protagonisti azzurri, Ieri oggi e domani, i festeggiamenti del Settebello campione olimpico di Roma ’60, la vittoria europea degli azzurrini nati ’93 di Nando Pesci, Il Trofeo Syracusae, Parlando con le Stelle, il mercato maschile e femminile, la Coppa Italia i sorteggi delle Coppe europee,Tania fa Furore in Tv, il Quattro Nazioni, gli Europei ’93 vinti dalla Russia, la World League e la World Cup vinti da Serbia e Stati Uniti, l’Haba Waba, la Canottieri Napoli campione d’Italia Ragazzi, il Prato nuoto tricolore nelle under 17, il Trofeo delle regioni vinto dal Lazio, il Flegreo meravigliao. Nelle pagine dedicate alla Campania i delfini Pirozzi e Spadaro, l’astro nascente Sanzullo, l’Avion Center in serie B, il mito della Capri-Napoli, l’allenamento con la corda, l’altro sport: Atletica, la pagina della Cultura e tanto altro ancora per un numero storico da non perdere per gli appassionati.


Maggio-Giugno
Maggio-Giugno
 Con un pò di ritardo (per poter inserire gli esiti dei campionati), è uscito con dovizia di particolari, belle foto e servizi sulla fase finale della stagione il numero di maggio-giugno di Sabato è pallanuoto.
Dai successi europei della Pro Recco agli scudetti di Orizzonte e Pro Recco, alle promozioni in A di Ortigia, Camogli, a quelle femminili del Volturno, Acquachiara, Mestrina e Fontalba Messina, i bei campionati di Savona, Brescia, Posillipo Cagliari, di tutto e di più per una rivista da non perdere per gli appassionati che potranno trovare all'interno anche il bellissimo poster della Pro Recco su carta patinata.
L'sola dei fumosi, le pagine storiche, il personaggio Kasas, l'Araba Fenice, pensiero Vittorioso, Setterosa e Settebello, il Tricolore Under 20 del Posillipo, le greche sbaragliano l'Europa.
Le pagine dedicate alla Campania con il Memorial Fusco, il Posillipo rosa, l'altro sport con l'Atletica, la pagina della cultura ecc.


MARZO/APRILE 2010
MARZO/APRILE 2010
 

E' uscito il numero di marzo/aprile di Sabato è pallanuoto. Ricco di servizi e foto a colori con lo speciale sulla Final four di Eurolega che si disputerà a Napoli. La Coppa Italia a Firenze e vinta dalla Pro Recco, Le coppe europee con il Savona impegnato nella finale del Trofeo Len, l’Orizzonte Catania finalista di Coppacampioni, La World League con il Settebello protagonista. Il Setterosa in Germania. Obiettivo su Rapallo, Vis Nova e Plebisito Padova, Parlando con le stelle di Giovanna Rosi, con il personaggio Vanja Udovicic, le pagine storiche e il mitico Tarzan. Dentro la pallanuoto, l’All star a Sori, il Grande Fardello e l’isola dei Fumosi. I nuovi costumi Jaked e i Caduti di Brema vinti dall’Aniene, il nuoto in Campania, il Fixdesign Posillipo squadra rivelazione dell’A2 femminile, i convocati giovanili in azzurro, Volturno e Circolo Villani allo specchio, le pagine della cultura e tanto altro per un numero di primavera da non perdere.



GENNAIO/FEBBRAIO 2010
GENNAIO/FEBBRAIO 2010
E’ in edicola il numero di febbraio di “Sabato è pallanuoto” ricco di servizi e belle foto a colori del campionato di A1. Il bilancio del 2009 del presidente della Fin, Paolo Barelli, le Coppe europee. In evidenza le partite di avvicinamento del Settebello e del Setterosa alla World League, Obiettivo su Savona, Recco e Brescia e il fenomeno Latina, la pallanuoto femminile con la Holiday Cup, Orizzonte e Fiorentina in Coppacampioni, l’Ortigia, e sulla’A2 con Acquachiara e Canottieri Napoli. Il personaggio Willi Molina, le pagine storiche, i premiati del Coni, i tratti della cultura, gli invernalisti e i podisti di fine anno. L’Italnuoto sulla cresta dell’onda, con il record del mondo di Federica Pellegrini, il nuoto in Campania con il record di Natullo, la ritrovata Giacchetti, Pirozzi e Vespe gioielli del presidente Trapanese. Tutte le squadre dell’A2, la pallanuoto giovanile e tanto altro ancora in un numero da non perdere per gli appasssionati.


NOVEMBRE 2009
NOVEMBRE 2009
E' uscito il numero di novembre di Sabato è pallanuoto.
Ricco di servizi e foto a colori sullo speciale
degli Europei Under 20 di Napoli.
La scomparsa di Alberto Castagnetti, il campionato
di A1 maschile e e femminile con tutti i suoi protagonisti.
Alle spalle della Pro Recco c’è gloria per tutti.
Le vittorie nei campionati giovanili con gli
Scudetti del Posillipo nell’Under 17, il Plebiscito Padova, il Camogli.
La Notizia Strisca, i Mondiali Juniores maschili di Sebenico,
il Poster della Pro Recco, gli Europei di Chania,
l Trofeo del Giocatore vinto dal Posillipo, il 2° Memorial D'Angelo,
la Coppa Italia, la Supercoppa europea femminile,
il mercato dell’Acquachiara, le pagine storiche,
il Convegno degli arbitri, il fenomeno Water Polis,
Cristina ha Chiuso in bellezza. Tutti gli uomini del Presidente,
lo «Swiss ball», le pagine della Cultura e tanto altro
per un numero da conservare per gli appassionati della pallanuoto.


SETTEMBRE 2009
SETTEMBRE 2009
Barelli: i Mondiali un successo mediatico.
Ed ora lasciamoli lavorare . .
Serbia eUsa campioni del Mondo .
Peso, misura e... qualità
Jannis e la leggenda . .
Lo sfogo di Spalenza . .
Così al mondiale femminile .
Sabato... nel Villaggio .
I sette re di Roma . .
Giochi del Mediterraneo
Agli Usa la World League di Kirishi .
La Coppa Italia . .
Il Mercato . .
Imperia e Roma in A1 .
Il vento si sposta a ponente
Canottieri Milano e Waterpolis in B
Il Posillipo Tricolore Juniores
Il Memorial Enzo D’Angelo .
Il Circolo Villani approda in B
Plebiscito e Blu Team campioni
Quell’esempio di vita e Sport
Natullo record
Campania felix . .
Bollicine



Carpisa


Yamamay


Jaked More than skin


Ariston



Pierpaolo Capano
by
sabato è pallanuoto


:: website project by :: www.yes.it
Amministrazione »