Sabatoepallanuoto.it
Archivio News

Europa Cup. Vigilia di Italia-Ungheria
Pubblicata il 02/12/2018
 Europa Cup. Vigilia di Italia-Ungheria
Stampa Fin
Europa Cup. Vigilia di Italia-Ungheria
Poche ore e la nazionale di pallanuoto torna in acqua per il secondo impegno in Europa Cup. Dopo il successo bello e convincente di un mese in terra d'Olanda, il Setterosa di Fabio Conti - argento olimpico a Rio 2016 -, affronta l'Ungheria a Verona patria di eccelenze enogastronomiche, di Giulietta e Romeo e del miracolo dell'Hellas Osvaldo Bagnoli nel 1985. Si gioca alla piscina "Monte Bianco" lunedì 3 dicembre, con inizio alle 18.30 e diretta su Rai Sport + HD. Per l'Italia l'obiettivo è continuare a vincere e a crescere, sfatando anche il tabù magiaro, e soprattutto ipotecare la qualificazione alla Final six (28-31 marzo). Completa il programma del gruppo B Francia-Olanda, con le transalpine che saranno le prossime avversarie delle azzurre il prossimo 18 dicembre.
LE PAROLE DEL COMMISSARIO TECNICO FABIO CONTI. "Ancora un'occasione per disputare nel giro di un mese un'altra partita di ottimo livello, contro un avversario di caratura internazionale e che c'ha sempre reso la vita difficile. Voglio vedere in acqua agonismo, bel gioco e soprattutto voglia di migliorarsi ulteriormente. Speriamo di regalare un bello spettacolo al pubblico di Verona".

FIN E COMUNITA' DI SANT'EGIDIO. La Federazione appoggerà la campagna della Comunità di Sant'Egidio, in relazione al "Pranzo di Natale per i poveri", in programma dal 2 al 25 dicembre. Tra le numerose iniziative poste in atto dalla Federazione Italiana Nuoto vi è la sensibilizzazione alla donazione attraverso una maglietta unbrand che sarà indossata da Italia e Ungheria nella partita di lunedì 3 dicembre.
Il Pranzo di Natale è una tradizione della Comunità di Sant’Egidio dal 1982, quando alcuni poveri furono accolti nella basilica di Santa Maria in Trastevere. Il banchetto si è allargato raggiungendo oltre 60 paesi in tutto il mondo. Perché Sant’Egidio è una famiglia e a Natale fa festa con i suoi amici di tutto l’anno: bambini, anziani, malati, senza dimora, detenuti, rifugiati. Diversi sono i luoghi dove si apparecchia il pranzo: chiese, case, scuole, ma anche istituti per anziani, carceri e ospedali. Non solo una festa commovente, ma un segno di pace in un mondo pieno di violenza, e la scoperta del vero senso del Natale per tanta gente che viene ad aiutare. Nel 2017 oltre 230 mila poveri hanno partecipato al Pranzo di Natale: oltre 55.000 in Italia, in 90 città.

I PRECEDENTI. Italia e Ungheria si sono affrontate otto volte in World League, tra il 2013 e il 2017, e in questo caso i precedenti sono in perfetta parità. Quattro vittorie azzurre e altrettante magiare nei gironi eliminatori: 9-7 il 14 dicembre 2013 a Catania, 11-9 il 16 dicembre 2014 a Szentes, 12-9 il 24 marzo 2015 a Imperia e 10-7 il 23 febbraio 2016 a Novara per l'Italia; a Budapest 15-12 il 13 marzo 2014, 17-15 il 27 ottobre 2015 e 13-11 (dopo i tiri di rigore) il 24 gennaio e ad Avezzano 12-10 il 19 aprile 2017 per l'Ungheria. Per la nazionale ungherese, mai sul podio olimpico, nove medaglie tra Europei e Mondiali: spiccano gli ori iridati a Roma 1994 e Montreal 2005 e quello continentale ad Atene nel 1991.
Ultimo precedente lo scorso 23 luglio nei quarti di finale dei campionato europei di Barcellona, quando alla Picornell, il Setterosa perse 10-9 in una partita caratterizzata da molteplici break e decisa dalla parata di Gangl sul rigore tirato da Bianconi a 18 secondi dalla fine. Ultimo match in Europa Cup il primo febbraio 2018 a Volos con l'Italia sconfitta 11-9 dalle magiare nella giornata d'apertura della prima fase dell'Europa Cup (in amichevole un mese al torneo di Rotterdam finì 9-9). In totale 12 incontri europei: 4 vittorie azzurre, due pari e sei magiare. L'ultima vittoria resta il 6-5 nella finale a Kranj nel 2003 che vide il Setterosa di Formiconi conquistare il quarto dei cinque allori continentali. Unico precedente olimpico ad Atene 2004 con l'8-5 che spalancò le porte della gloria verso le semifinali e la vittoria finale che iscrisse per sempre nella leggenda le tigri azzurre.
LE AZZURRE A VERONA. Elisa Queirolo (Plebiscito Padova), Rosaria Aiello, Arianna Garibotti e Roberta Bianconi (Fiamme Oro/L'Ekipe Orizzonte), Valeria Palmieri e Giulia Gorlero (L'Ekipe Orizzonte), Lucrezia Cergol (Pallanuoto Trieste), Giulia Enrica Emmolo, Federica Lavi e Silvia Avegno (Rapallo PN), Chiara Tabani, Domitilla Picozzi e Izabella Chiappini (SIS Roma). Nello staff, insieme al commissario tecnico Fabio Conti, gli assistenti tecnici Paolo Zizza e Marco Manzetti, la team manager Barbara Bufardeci, il preparatore atletico Simone Cotini, la psicologa Flavia Sferragatta, la fisioterapista Simona Tozzetti e il medico Gianluca Camillieri.

REGOLAMENTO. Nove squadre in due gironi (uno da cinque e uno da quattro squadre) con le prime tre avanti alla Final six (28-31 marzo), la prima direttamente in semifinale e le seconde e terze ai quarti di finale. Seguono programma e calendario delle azzurre.

I GIRONI

Europa Cup F – Qualification 2
Group A
Russia, Spagna, Romania, Grecia, Israele
Group B
Francia, Olanda, Ungheria, Italia

Calendario gruppo B

1^ giornata - 6 novembre
Ungheria-Francia 23-4
Olanda-Italia 7-9
2^ giornata
3 dicembre
Italia-Ungheria
4 dicembre
Francia-Olanda
3^ giornata - 18 dicembre
Francia- Italia
Olanda-Ungheria
4^ giornata - 15 gennaio 2019
Francia-Ungheria
Italia-Olanda
5^ giornata - 12 Febbraio 2019
Italia-Francia
Ungheria-Olanda
6^ giornata - 5 marzo 2019
Ungheria-Italia
Olanda-Francia
Letture: 33

Carpisa


Yamamay


Jaked More than skin


Ariston



Pierpaolo Capano
by
sabato è pallanuoto


:: website project by :: www.yes.it
Amministrazione »